+39 3479069444


Ustioni

Lesioni da fiamma, liquidi bollenti, caustici, elettricità possono creare ustioni. Le ustioni vanno curate con attenzione anche se di piccole dimensioni per guarire velocemente e non avere cicatrici in seguito.

Ecco quindi che una visita da un chirurgo plastico permette un inquadramento del problema con una diagnosi (1-2-3 grado), una terapia acuta adeguata e giuste indicazioni per la gestione delle sequele

 

 




DOMANDE PIU' FREQUENTI

Mi sono ustionato. Che crema devo mettere?
Questa domanda rimbomba ormai da anni nelle mie orecchie. E mi sento impotente quando devo smentire luoghi comuni o medicazioni che da anni si sentono (e si vendono) in farmacia o più assurdamente in tutti gli ospedali di primo accesso dei pazienti. Un recente articolo scientifico finalmente mi permette di ribadire concetti chiari ma questa volta con l’aiuto della Letteratura scientifica. Escludo categoricamente sin da ora i prodotti da farmacia anche se per ragioni ovvie non posso scrivere nomi commerciali e che comunque non sono creme e pomate presenti nei nostri ospedali o pronti soccorsi. La medicazione più comune e conosciuta per le ustioni in tutti i pronti soccorsi degli ospedali è la sulfadiazina d’argento come medicazione primaria. I primi motivi per sconsigliarne l’uso sono la difficoltà a rimuoverla quando i pazienti sono inviati in consulenza presso un reparto di chirurgia plastica o un centro ustionati e la necessità di medicazioni quotidiane. Ma il secondo motivo lo troviamo in questo articolo dove si confrontano, con una metaanalisi della letteratura scientifica presente, le ustione gestite con sulfadiazina d’argento e altre con le medicazioni avanzate. Per medicazioni avanzate si intendono medicazioni che agiscono nelle varie fasi della guarigione delle ferite e si possono presentare in forma di creme o gel, fogli o medicazioni biologiche come sostituti cutanei temporanei. L’analisi di 52 studi diversi ha chiaramente dimostrato la netta superiorità delle medicazioni avanzate rispetto alla sulfadiazina d’argento, nella gestione della guarigione delle ustioni, nella prevenzione delle infezioni e nel controllo del dolore. La conclusione degli autori è che quindi la sulfadiazina d’argento non deve più essere utilizzata nel trattamento conservativo delle ustioni vista la possibilità di utilizzare medicazioni avanzate che permettono guarigioni più rapide e con migliore gestione di dolore e prevenzione infezioni Quindi, in maniera pratica, cosa suggerisco come medicazione a un paziente che si ustiona? Consiglio un semplice lavaggio sotto acqua corrente poi una medicazione con crema base idratante e garze vaselinate. Dopo la medicazione si possono prendere accordi per una visita ambulatoriale presso un reparto di chirurgia plastica con centro ustionati della regione di provenienza. Avrete quindi le corrette indicazioni per le medicazioni accelerando la vostra guarigione. Heyneman A., Hoeksema H. Vandekerckhove D et al.: “The role of silver sulphadiazine in the conservative treatment of partial thickness burn wounds: a systemic review.” – Burns 2016;42 (7):1377-86



Richiedi un appuntamento


Inviaci un messaggio. Ti ricontatteremo al più presto.